Una nuova collezione di Nine dipinte dall’artista Giampaolo Atzeni ospitate ed esposte alla mostra “Metamorfosi” presso il Museo Crocetti di Roma

14291735_1100120653414589_6294707117541133083_n

Una nuova collezione di Nine dipinte dall’artista Giampaolo Atzeni ospitate ed esposte alla mostra “Metamorfosi” presso il Museo Crocetti di Roma

Fondazione Museo “Venanzio Crocetti” presenta
“ Metamorfosi “
Beauty and the Beast
Opere di
 Giampaolo Atzeni – Emre Yusufi

A cura di Pier Luigi Manieri
L’archetipo per due: “Metamorfosi”, bipersonale surreale di Giampaolo Atzeni e Emre Yusufi
Si potrebbe osservare da un’infinità di angolazioni la fortunata combinazione di idee che dà vita all’esposizione bipersonale….
Partendo dai suoi stessi protagonisti: un turco e un sardo. Provengono da terre bagnate dal mare: elemento che unisce i paesi che separa. Terre di viaggiatori come Enea che proprio qui approdò e diede il “la” alla gentes Romana e come conseguenza di ciò, all’Europa stessa. Ebbene, i due artisti, distanti per età ma in sintonia per esperienze professionali, ci rimandano un doppio universo immaginifico dove gli opposti assumono un respiro tanto izio – temporale dagli echi dechirichiani, influenzato dalle molteplici passioni- ossessioni dell’artista: il libro, la moda, le simbologie, il viaggio. Il colore gioca un ruolo chiave tanto nei lavori dell’uno quanto dell’altro. Un caleidoscopio che inganna, distorce, muta sconico quanto evocativo laddove la somma delle rispettive visioni, e allo stesso modo delle personali estetiche e dialettiche si compenetrano l’una con l’altra.
La guerra come archetipo, trova parallelamente esaltazione e disinnesco nelle opere digitali di Emre Yusufi, fotografo, e creativo pubblicitario. Le sue figure pur constestualizzate drammaticamente in una dimensione bellica, hanno però un retrogusto ironico che ne attenua la marzialità plastica. L’animale che diviene guerriero, per contro sottende la bestialità che emerge nel conflitto. In tale processo di riscrittura archetipica si evolve la ricerca Pop di Giampaolo Atzeni, giornalista, fotografo, attore teatrale che restituisce l’immagine della donna mediante icone femminili come Eva e Venere. Le sue donne sono disinvolte, pin up inconsapevoli, seducono e inteneriscono. Inserite in un limbo spaulla coordinata della mistificazione farsesca e giocosa che nel più puro momento ludico incoraggia la riflessione.
Pier Luigi Manieri
Ogni lavoro di Atzeni è un progetto a sé, legato contestualmente a tutte le altre opere da lui realizzate nel corso di questi anni. Le singole scene sono pensate sotto forma di fotogrammi e l’intera produzione di Giampaolo è concepita come un lungometraggio: il film della sua vita. Ogni quadro sviluppa al suo interno altri progetti, l’arte nasce dall’arte, ogni mondo è un microcosmo dentro altri mondi. Tutto si compenetra, tutto nasce dalla lentezza, la leggerezza è il motore che fa muovere il surrealismo e la metafisica, componenti essenziali della sua produzione, ancor più dell’arte pop. Atzeni affronta la bellezza per ciò che è, trattando temi ostici senza cadere mai in interpretazioni scontate. I suoi lavori sono molto più articolati rispetto a quel che il primo sguardo coglie, densi di citazioni classiche e simboli che si connettono in maniera inestricabile ed esatta. Eva non ha un volto definito perché è lo specchio di ogni donna, Eva è un’icona riconoscibile. Nelle tele di Atzeni, apparentemente, non sembra manifestarsi alcuna forma di denuncia, ma in realtà essa si nasconde negli strati più profondi della pura apparenza formale. Il suo modo di concepire l’opera è progettuale, Atzeni parte sempre da un dato ideale che diviene poi una realtà concreta.
Il suo spirito è simile a quello di un architetto in possesso di spiccate doti artistiche, o a quello di un pittore dalla verve narrativa eccelsa, propria a un romanziere o a un poeta della beat generation.
Tratto dal testo del catalogo “ Viaggio alla ricerca dello stile”
Tra gli artisti che si affacciano prepotentemente alla ribalta del grande panorama culturale turco Emre Yusufi si è conquistato un posto in prima fila in modo certamente prepotente ma giustificato dall’essere totalmente figlio della contemporaneità con la sua capacità di cogliere con anticipo pulsioni emozioni e sentimenti della società in cui viviamo. Di formazione accademica deve il suo sesto senso alla profonda esperienza professionale che lo ha portato a fondare e dirigere Lemonade, una delle principali agenzie di sviluppo del Brand. Incredibili e di successo le sue campagne, così come sono deflagranti le intuizioni artistiche, i grandi del mondo incarnazione di frutti desiderati e appetitosi che con la loro freschezza vanno addirittura oltre le grandi composizioni del rinascimentale Arcimboldo. Di grande successo l’umanità che ad occhi sgranati ci guarda senza per questo biasimarci ma ricordandoci infine, almeno alle nostre coscienze dobbiamo render di conto. Anche il più recente tema, in cui le sue opere sono animate da curiosi animali armati, ci ricorda che conviviamo in un pianeta dove spesso più che appartenenti al regno animale… l’uomo è la vera bestia
Giorgio Bertozzi
Pier Luigi Manieri, curatore di eventi, scrittore e saggista e cultore della materia cinematografica. Ha pubblicato la raccolta di racconti “Roma Special effects” (PS ed.) e per Elara, l’antologia di racconti “Operazione Europa” e i saggi “La Regia di Frontiera di John Carpenter ” e “Le Guerre Stellari:ovvero la fantascienza cinetelevisiva da Lucas a oggi”. Ha all’attivo centinaia di articoli su diverse testate di settore.
È autore e regista della performance video musicale “Iconico & Fantastico”. Ha ideato e curato eventi come Urania:stregati dalla Luna, Il cinema italiano al tempo della Dolce Vita, Effetti Speciali, MassArt, Radar-esploratori dell’immaginario e numerose mostre d’arte contemporanea.
In mostra sarà esposta una serie di sculture, realizzate in polvere di marmo, dipinte, con l’ inconfondibile stile, da Giampaolo Atzeni. Le sculture fanno parte del progetto “Nina for the dogs” www.ninaforthedogs.it
Fondazione Museo “Venanzo Crocetti”
Indirizzo: Via Cassia 492, 00189 Roma Tel/Fax: 06-33711468
 Email: info@fondazionecrocetti.it

INAUGURAZIONE
Mercoledì 21 settembre 2016 ore 17,30
ESPOSIZIONE
dal 22 al 30 settembre 2016
Catalogo in Sede
INGRESSO GRATUITO
ORARI:
da lunedì a venerdì: 11 – 13 e 15 – 19 sabato: 11 – 19
domenica: chiuso
Programma della Serata Inaugurale: • ore 17.30 apertura mostra
• Cocktail di Benvenuto
Organizzazione Generale e Coordinamento grafico editoriale a cura di: Stefano Ferracci
L’evento è realizzato da:
Neoartgallery associazione culturale

info@neoartgallery.it

www.neoartgallery.it

About ninadmin

You May Also Like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

5 × 3 =